Esercizio provvisorio per l’anno finanziario 2019

Prot. n. 524 /06-03                                   San Marco in Lamis, 31/01/2019


IL DIRIGENTE SCOLASTICO

VISTO il Decreto 28/08/2018, n. 129 avente ad oggetto “Regolamento recante istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle Istituzioni Scolastiche, ai sensi dell’articolo 1, comma 143, della legge 13 luglio 2015, n. 107”, in particolare l’art. 6;
VISTA la nota MIUR del 22/11/2018 Prot. N. 23410 – Precisazioni in merito alla proroga dei termini per la predisposizione e approvazione del Programma Annuale 2019, di cui alla nota MIUR del 31 ottobre 2018, Prot. N. 21617;
VISTA la nota MIUR del 5 gennaio 2019 Prot. N. 74.05 – Decreto 28 agosto 2018, n. 129 – Orientamenti interpretativi;
RITENUTO necessario provvedere ad assicurare il funzionamento dell’Istituzione Scolastica;

DECRETA

l’esercizio provvisorio per l’anno finanziario 2019.
Durante la gestione provvisoria, necessaria per garantire il funzionamento didattico e amministrativo generale e la prosecuzione dei progetti e delle attività pluriennali, sono autorizzati gli stanziamenti di spesa nel limite di 1/12 degli stanziamenti definiti nel programma annuale, regolarmente approvato, relativo al precedente esercizio finanziario per la prosecuzione dei progetti già approvati e per il funzionamento didattico e amministrativo generale dal 01/01/2019 al 15/03/2019.
Nel corso della gestione provvisoria, l’Istituzione Scolastica potrà disporre pagamenti anche oltre il suddetto limite di 1/12 per l’assolvimento:

  • Delle obbligazioni già assunte (residui passivi);
  • Di obblighi speciali tassativamente regolati dalla legge;
  • Delle spese di personale, rate di mutuo, canoni, imposte e tasse, ed in particolare, per le sole operazioni necessarie ad evitare che siano arrecati danni patrimoniali alla scuola (come, ad esempio, nel caso di ritardo nel pagamento di fatture che comporta la maturazione di interessi), nonché delle ulteriori spese a carattere continuativo volte a garantire il mantenimento del livello qualitativo e quantitativo dei servizi esistenti.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
(Prof. Costanzo CASCAVILLA)